Trionfo per l’orchestra giovanile “Intermusic” alla Fenice

TRIONFO DI APPLAUSI PER L’ORCHESTRA GIOVANILE INTERMUSIC NEL CONCERTO AL TEATRO LA FENICE. REALTA’ NATA DAL PROGETTO “CAMBIARE MUSICA”. GIOVANI TALENTI CHE FANNO DELLA MUSICA UNO STRUMENTO CONTRO TUTTE LE FORME DI DEVIANZA. OSPITI D’ONORE LA CORALE “LA GINESTRA” ED IL MUSICISTA ARGENTINO CORRADINI.

Amandola – Un autentico trionfo che ha raccolto moltissimi applausi dal pubblico che ha gremito il Teatro La Fenice di Amandola, per ascoltare i giovani talenti musicali e canori, dai 12 ai 30 anni, dell’Orchestra Intermusic, nata nell’ambito del progetto “Cambiare Musica”, diretto alla prevenzione dalle devianze giovanili di qualsiasi genere, promosso dall’Associazione La Fenice insieme alla Fondazione Carisap. Un repertorio ampio che ha spaziato dal classico al lirico, dal folk allo swing, dal rock al pop, e con molte sorprese. Il progetto ha coinvolto una quarantina di giovani delle aree interne delle province di Ascoli e Fermo. Giovani che hanno scelto la musica come passione, come espressione artistica, come formazione personale e specifica ma anche per lanciare un messaggio a tutti coloro che sono tentati dal cadere in varie forme di dipendenze autodistruttive, dimostrando che attraverso la musica o un’arte creativa si possono investire i propri talenti in modo sano e costruttivo.

ORCHESTRA INTERMUSIC E CORALE LA GINESTRA - AMANDOLA (1)

L’orchestra si è esibita sia in formazione più ampia con tastiere, fiati, percussioni, archi, chitarre, che in altre ensemble ridotte, con la direzione di Michela Alessandrini, responsabile artistico del progetto. Momenti emozionanti con l’esibizione della Corale La Ginestra, accompagnata dall’orchestra, in un omaggio al premio oscar Ennio Morricone. Grande coinvolgimento con l’ospite d’onore Pablo Corradini al bandoneon per l’Ave Maria e Libertango di Piazzola. Standing ovation anche per la bellissima voce di Antonio Pacifici (The Sibillini’s Voice) nel “Nessun dorma” dalla Turandot di Puccini, accompagnato dalla brava pianista Annalisa Levantesi. Particolari gli inserimenti dei flauti dolci di legno da parte dei più giovani e i 2 gruppi di organetti esibitisi su brani popolari. Un progetto che si conclude entro il 2016, che ha dimostrato un eccellente valore sociale e culturale e che, secondo il presidente dell’associazione La Fenice Pasquali, per il futuro avrà bisogno di sostegno da parte di tutti per continuare.

Francesco Massi

 

Share the joy
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Autore articolo:

La tua email non sarà visibile.