Treni: Inaugurata la tratta Ascoli-P.d’Ascoli

Inaugurata la tratta Ascoli-P.d’Ascoli
Dal 9 giugno 16 treni in più e viaggi rapidi

   
     

ASCOLI – Inaugurata oggi ad Ascoli Piceno dall’ad di Trenitalia Vincenzo Soprano la nuova tratta ferroviaria Ascoli-Porto d’Ascoli, realizzata da Rete Ferroviaria Italiana con il finanziamento della Regione Marche.
Un’opera che dal 9 giugno farà aumentare da 3 a 19 il numero di treni diretti giornalieri fra le due città. Di questi, 9 saranno treni veloci (con fermate solo nelle principali località), 10 effettueranno fermate in tutte le stazioni della linea. Immutato il numero dei collegamenti quotidiani, 27, tra Ascoli e San Benedetto. Più treni diretti ma anche più veloci, moderni ed ecosostenibili. Effettuati sia con i Minuetto (145 posti a sedere) sia con convogli composti da 4 vetture con locomotori E 464 (313 posti), i treni ridurranno i tempi di viaggio sull’intero percorso fino a 30 minuti.
A disposizione della clientela diversamente abile posti dedicati attrezzati, mentre i bikers potranno trasportare la loro bici a bordo. “Era una delle priorità della Regione Marche e così è stato” ha commentato l’assessore regionale ai Trasporti Luigi Viventi, ricordando che “per l’opera sono stati spesi 11,2 milioni di euro, dei quali 9,5 mln della Regione Marche, 1,4 mln di Rfi e 280 mila euro della Provincia di Ascoli”. “E’ un punto di partenza. Ora con le autonomie locali e i privati dobbiamo realizzare altre fermate per completare davvero il concetto di metropolitana di superficie che impostammo nel 1998” ha sostenuto il presidente della Provincia di Ascoli Piero Celani. “Si dovrà anche prevedere un piano di trasporto pubblico e una collaborazione fra Trenitalia e la nostra azienda di trasporto su gomma Start per collegamenti a pettine con l’entroterra”. La linea ferroviaria che unisce Ascoli a Porto d’Ascoli è lunga 29 km e si sviluppa interamente nella provincia di Ascoli. I binari corrono nei territori di 4 comuni: Ascoli, Monteprandone, Spinetoli e San Benedetto. “Su quest’opera stiamo già costruendo la strategia di mobilità di Ascoli e del Piceno” ha detto il sindaco di Ascoli Guido Castelli: “la sua importanza è anche sociologica, perchè consentirà di avere un migliore rapporto con Ancona”. A giorni la tratta verrà certificata a livello europeo” ha annunciato il direttore di Rfi della direttrice Adriatica Paolo Pallotta. Soprano ha garantito che “sono previste in determinati orari coincidenze sia con il Freccia Bianca che con il Freccia Rossa, anche se vanno tenuti da conto i problemi di orario e del numero di imprese ferroviarie coinvolte”. “Dobbiamo comunque vedere quale sarà la risposta del mercato, periodo estivo a parte. Noi vendiamo treni e non possiamo fare un’attività in perdita” ha aggiunto promettendo anche attenzione al contratto servizi con la Regione Marche. “Nessuno può permettersi in questo momento troppa competizione e quindi siamo disponibili a tutte le opportunità di aggregazione e alle offerte combinate, sempre però sotto l’egida della Regione Marche” ha concluso l’ad, riferendosi a possibili accordi con l’azienda pubblica Start spa di Ascoli che cura il trasporto pubblico su gomma lungo la vallata del Tronto e nell’entroterra ascolano.

Giovedì 16 Maggio 2013 
Share the joy
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Autore articolo:

La tua email non sarà visibile.