Tour de France: Nibali trionfa

Avrebbe sicuramente entusiasmato anche Gino Bartali, proprio nel giorno del centenario dalla nascita del mito, l’impresa sulle Alpi di Vincenzo Nibali. Su una salita finale lunghissima, per certi aspetti monotona, triste come il suo naso, direbbe Paolo Conte, Bartali avrebbe apprezzato quell’italiano dalla faccia tranquilla che in maglia gialla stacca tutti e cavalca solitario verso l’arrivo. Un padrone che, rimasto senza compagni di squadra (Scarponi in crisi, Fuglsang a terra), potrebbe pensare solo a difendersi, ma sceglie il ciclismo d’altri tempi. A più di sei km dal traguardo rompe gli indugi, va all’attacco, sgretola le sicurezze dei rivali per la vittoria finale. Porte crolla subito (arriverà quasi a 9′), Pinot e Valverde vengono staccati in una maniera così naturale da sembrare semplice. Vincenzo ha quasi timore di fare il tiranno. Riprende due attaccanti (Majka e Konig), cerca di tenerli con sè, poi è  ‘costretto’ alla solitudine verso l’arrivo in quota. E’ troppo più forte, per lui è la terza vittoria in questo Tour, ma rispetto alle precedenti fa più effetto perchè arriva con la maglia addosso. Per ritrovare un italiano che vince in giallo bisogna riavvolgere il nastro fino al 1965, con la cronometro finale Versailles-Parigi vinta da Felice Gimondi.

Fonte: http://www.repubblica.it/sport/ciclismo/2014/07/18/news/tour_de_france_tredicesima_tappa-91887266/

Share the joy
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Autore articolo:

La tua email non sarà visibile.