Roma: dimissioni Marino

Dimissioni Marino, il sindaco: “Per farmi fuori mancava la coca in tasca”. Sel: “Avanti se cambia rotta”

Il primo cittadino dimissionario: “Dieci consiglieri su 19 piangevano. Renzi? Mai sentito”. Celebra un matrimonio e smentisce tutti i retroscena: “Mai detto che farò i nomi”. Salvini lancia la Meloni. Orfini: “Ho tentato di salvarlo ma ha fatto troppi errori”. Il capogruppo di Sinistra ecologia e libertà cambia le carte in tavola e si dice pronto a rivedere la sfiducia

Dimissioni di Ignazio Marino formalizzate, ma la partita in Campidoglio del sindaco Pd non è ancora chiusa. Se non sembrano esserci possibilità che sia il chirurgo a rimangiarsi la decisione, è il capogruppo di Sel Gianluca Peciola a cambiare le carte in tavola: “Noi vogliamo andare avanti con il programma elettorale”, ha scritto su Facebook. “E’ giusto chiedere al sindaco un cambio di rotta, la verità, il rispetto del mandato. Altrimenti può anche confermare le sue dimissioni”. Marino si prepara a guadagnare l’uscita del Campidoglio, ma annuncia fuoco e fiamme fino all’ultimo minuto e anche dopo. Mette nel mirino, in particolare, il suo stesso partito e chi “non avrebbe dovuto sostenerlo e non l’ha fatto”. E, almeno a parole, non ha più freni. Dice di non aver mai sentito, in queste ore, il segretario Matteo Renzi. Ma che, pur di cacciarlo, quelli che lo volevano fuori dal Campidoglio gli “avrebbero messo della cocaina in tasca”, dice in un’intervista alla Stampa. Intanto la partita politica è appena cominciata.

Pubblicità

I retroscena su Marino, poi smentiti con una nota ufficiale, però vanno oltre. Raccontano di un sindaco che “l’ha presa malissimo” quando si è trovato contro anche mezza giunta e mezza maggioranza in consiglio comunale. “Cacciarmi? Se lo fate farò tutti i nomi – ha detto il sindaco uscente secondo un retroscena delCorriere della Sera – Chi del Pd mi ha proposto Mirko Coratti eLuca Odevaine (due arrestati di Mafia Capitale, ndr) come vicesindaco e come comandante dei vigili. Vi tiro giù tutti”. Sullo sfondo, tra l’altro, la pubblicazione di un libro scritto insieme aMattia Stella, il suo ex caposegreteria, che ha lasciato l’incarico durante l’estate dopo la relazione del prefetto Franco Gabriellisull’inchiesta Mafia Capitale. Marino ha ricordato di “avere tutto scritto nei miei quaderni” e di “avere anche degli sms di dirigenti nazionali del Pd”. Uno scenario confermato anche da un altro retroscena, di Repubblica: “Se io affondo – avrebbe detto il sindaco – li porto tutti giù con me. Nessuno si illuda: farò nomi e cognomi di chi mi ha chiesto favori, raccomandato assessori poi indagati e gente di Mafia Capitale. Ho le prove, le porterò in tv”. Ma è stato l’ultimo tentativo, subito prima di essere invitato a lasciare anche dai suoi assessori più vicini, come quello alla Legalità Alfonso Sabella. E però ora annuncia un tour in tv, dice che Odevaine gliel’ha raccomandato Walter Veltroni, che ha le schede con  tutti i favori che in due anni mi hanno chiesto consiglieri e esponenti politici.

Ma Marino smentisce tutto: “Querelo i giornali”
Marino smentisce tutto: “Leggo su alcuni quotidiani frasi che mi vengono attribuite – dice – Le smentisco. Non ho mai detto ‘ora farò i nomi’: tutto ciò è falso e sono costretto ancora una volta a procedere con le querele oltre alle richieste di danni in sede civile”. Il sindaco ha celebrato al Campidoglio il matrimonio di una coppia di amici. Ha letto una poesia di Neruda per suggellare l’amore tra Jamie e Matteo, mantenendo la promessa fatta tempo fa ai suoi due amici, ignaro di cosa fosse avvenuto. Nel giorno delle dimissioni, tra l’altro, Marino ha firmato l’assegno per riconsegnare i soldi spesi con la carta di credito in assegnazione al primo cittadino: si tratta di circa 20mila euro.

Salvini lancia la Meloni. Renzi non vuole le primarie
Intanto si respira già aria di campagna elettorale. Il segretario della Lega Nord Matteo Salvini ha spiegato che il Carroccio “correrà per la prima volta a sindaco di Roma” e che “la Meloni mi piacerebbe se si candidasse, ma non esiste una sola candidatura“. Nel Pd si è già aperto lo psicodramma sull’eventuale candidato. Roberto Giachetti, già capo di gabinetto di Rutelli per 8 anni, ha già rifiutato più volte l’offerta. In un’intervista al ilfatto.it disse: “Per fare il sindaco bisogna avere capacità. Io non mi sento all’altezza”. Ma era dicembre, quasi un anno fa. Gli altri nomi che girano vanno dall’usato sicuro come Veltroni e Rutelli fino a “tecnici” come il prefetto Franco Gabrielli (un altro che ha rifiutato), l’ad di Finmeccanica Mauro Moretti, la vicepresidente del Senato Linda Lanzillotta, addirittura, di nuovo, il ministro degli Esteri Paolo Gentiloni. Una cosa che sembra certa è che Renzi non vuole fare le primarie (Marino trionfò prima delle amministrative 2013). Quanto al Movimento Cinque Stelle, nei giorni scorsi si sono fatti i nomi di Alessandro Di Battista eRoberta Lombardi, tuttavia le regole del movimento dicono che i parlamentari non possono interrompere il proprio mandato e che tutto dovrà passare dai consueti sistemi di scelta dei candidati.

fONTE:

http://www.ilfattoquotidiano.it/2015/10/09/roma-ignazio-marino-per-farmi-fuori-prima-o-poi-mi-avrebbero-messo-la-cocaina-in-tasca/2110931/

Share the joy
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Autore articolo:

La tua email non sarà visibile.