Replica del Gruppo “UNITI PER MASSIGNANO”

Riceviamo e pubblichiamo

REPLICA DEL GRUPPO UNITI PER MASSIGNANO

REPLICA IN MERITO ALLE PRECISAZIONI DELL’AMMINISTRAZIONE ROMANI SULLE ALIQUOTE TASI

Dopo la nota di chiarimento dell’Amministrazione comunale, il gruppo “Uniti per Massignano” risponde, nella speranza di chiudere la polemica una volta per tutte:

1. Cento giorni son pochi per prendere decisioni chiare sulla TASI, che andassero nella direzione dei cittadini, ma sembrano sufficienti per raccontarsi ed elogiarsi in assemblee pubbliche a quanto pare.

2. Le aliquote TASI, TARI e IMU non sono state votate da noi prima delle elezioni, perché nessun Comune che andava al voto poteva approvarle prima delle elezioni. Il Nulla osta governativo è arrivato quando tutti i consigli comunali chiamati al voto erano già sciolti, ai sensi della legge. Dobbiamo aggiungere altro?

3. Il gruppo Uniti per Massignano conosce benissimo i meccanismi del Patto di Stabilità, visto che per anni ne ha avuto a che fare. “Massignano Cambia” ha negato l’esistenza del patto di stabilità per tutto il periodo elettorale, salvo poi sbandierarlo a propria giustificazione il giorno dopo aver vinto le elezioni. Pertanto, sulla gestione dei 160.000 € di avanzo, avremmo anche dei suggerimenti che sarebbero stati utili per evitare l’aumento dell’aliquota TASI, ma siamo già stanchi di suggerirvi come amministrare. Siamo sicuri che presto troverete il modo di far fronte a ogni incidente di percorso che si porrà sulla vostra strada.

4. Sull’attivazione del porta a porta precisiamo che il servizio comporta un risparmio per il cittadino e per l’amministrazione come ben sapete, il resto delle spese correnti sono normale amministrazione.

5. MOLTO IMPORTANTE: la minoranza ha il dovere di partecipare ai consigli, non alle assemblee. Quella è una scelta personale di ciascun consigliere, non un dovere civico. Gli argomenti che avete trattato in Assemblea andavano trattati nell’ufficialità del consiglio, visto che erano giustificativi della manovra di tassazione alle stelle da VOI attuata.

6. Vi invitiamo a cambiare registro: i fedelissimi di Mecozzi di cui parlate non sono uno sparuto gruppo di ex consiglieri, i fedelissimi sono 400 elettori che hanno creduto ancora nel nostro gruppo. Noi riceviamo le lamentele dei cittadini e le riportiamo. L’Amministrazione è chiamata a non sottovalutare queste voci. Noi di Uniti per Massignano vigiliamo, siamo sempre amministratori comunali, sebbene di minoranza.

7. Invitiamo l’amministrazione, prima di denigrare solo il nostro operato decennale, a informarsi meglio piuttosto che sparare a zero. E’ ormai ora di amministrare, l’era dell’opposizione per voi è finita. La fretta poi è cattiva consigliera e fa dire anche paroline sgradevoli. Elenchiamo pertanto di seguito le denigrazioni rivolte a noi in soli 100 giorni di amministrazione: “Asini che volano”, “Bel Teatrino”, “superficialità”, “demagogia”. Continuate così noi raccogliamo e archiviamo. Poi (forse) faremo un calendario con i vostri bizzarri appellativi con i quali ci omaggiate.

8. Infine, sul caso del personale, accogliamo la precisazione del Sindaco Romani, ma resta il fatto che durante l’Amministrazione Mecozzi i dipendenti hanno sempre risposto alle direttive degli amministratori e le aliquote delle tasse ne hanno beneficiato. Quindi cogliamo l’occasione per ringraziare i dipendenti dei dieci anni di lavoro insieme a noi. Grazie.

Gruppo di minoranza

UNITI PER MASSIGNANO

Share the joy
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Autore articolo:

28 risposte a “Replica del Gruppo “UNITI PER MASSIGNANO””

  • Salve a tutti, scusate se faccio una precisazione come sindaco di un comune vicino.
    Leggendo il secondo punto del precedente elenco.
    Non è assolutamente vero che: “… perché nessun Comune che andava al voto poteva approvarle prima delle elezioni …”, dato che molti comuni ligi alle regole, hanno deliberato le aliquote della TASI prima dello scadere del loro mandato, come si può trovare facilmente navigando nella rete.
    Qui di seguito vi riporto il link di un articolo del corriere in cui parte dei comuni avevano il mandato in scadenza il 25 maggio 2014.

    http://www.corriere.it/economia/14_maggio_20/tasi-ecco-l-elenco-comuni-che-dovranno-pagare-entro-16-giugno-86450eee-dff9-11e3-a33f-94f3ff75232d.shtml

    Come amministratore, credo che tutti debbano essere onesti con i propri cittadini.

  • la Di Nicola, deve studiare!!

  • Precisazione al punto 3)
    Dite che per anni avete avuto a che fare con il patto di stabilità. Niente di più errato!!! Il patto di stabilità ha interessato comuni dai 1000 ai 5000 abitanti a partire dall’1/01/2013. Quindi la vostra lista ha amministrato con il patto solo un anno, periodo tra latro dove, fortunatamente, non avete fatto nessun investimento. Vi ricordo altresì che prima di quella data avete indebitato a più non posso il nostro comune contraendo mutui per oltre 1,3 milioni di mutui che inevitabilmente ricadono sulle spalle dell’attuale amministrazione e ancora peggio sulle generazioni future.

  • Xxx è inutile che vuoi proteggere l’attuale amministrazione, il punto è che avete aumentato le tasse al massimo consentito per fare cassa e spendere per i vostri progetti, questo dovete dire alla gente, siete peggio di Renzi

  • Non proteggo nessuno dico solo la verità!!!

  • e chi ci crede siete abituati a dire bugie!!!!

  • Allora perché non smentisci il mio commento con serie argomentazioni!!!

  • basta andare sul sito del comune e visualizzate le delibere del 2012 capito mister Xxxx

  • invece di sparare sulla vecchia amministrazione, non cominciate il vostro lavoro la propaganda elettorale e finita svegliatevi che è ora

  • voglio precisare una cosa anche se non sono stati millimetrici sulle cose fatte perché nessuno e perfetto e questo lo vedremo col passare degl’anni, loro in dieci anni anno dato il massimo senza accusare nessuno tanto meno la vecchia amministrazione come fate voi, sono stati dei signori e ne sento moltissimo la mancanza quasi da farmi piangere, voi non saprete mai colmare il vuoto che anno lasciato, MARINO MECOZZI SEI IL MIGLIOREEEEEEEEEEEEE

  • MARINO NAZZARENO ALFREDO SABINA GIUSEPPE GIAMPIERO FIORELLA GIOVANNI GIUSEPPE78 THE BEST

  • AMMINISTRATORI DEL SITO NON CANCELLARE ALTRIMENTI MI ARRABBIO

  • Hai una visione distorta della realtà. Io parlavo del patto di stabilità e dei mutui. che c’entrano le delibere del 2012?!!!

  • Egregio mister Xxxx io non sono molto esperto in diritto amministrativo, però una cosa la so, se vuoi fare delle opere pubbliche devi anche trovare i fondi necessari per farle penso, contradicimi se sbaglio, qualsiasi amministrazione agisce in questo modo. Io non so l’importo dei mutui ma se sono necessari si fanno non vedo il motivo di tanto clamore, se vuoi sviluppare una zona devi creare prima le opere pubbliche ad esempio il sottopasso ferroviario e un’opera strategica per fare sviluppare Marina di Massignano, dopo può piacere o no altro discorso. L’altra sera a l’assemblea pubblica una persona si agitava dicendo che quel buco non serve, per lui forse ma per la crescita del luogo si. Se facciamo come Cupra marittima che prima a sviluppato il lungomare, poi non c’è un passaggio per i mezzi di soccorso in caso di incendio, vi sembra cosa logica.
    Io penso che chiunque in casa propria se deve fare un grosso investimento accendi un mutuo, poi spiegatemi per che cosa sia stata creata la “CASSA DEPOSITI E PRESTITI”SE POI NON SI POSSONO FARE MUTUI perché a parere tuo sono debiti. Lei crede se la nuova amministrazione vuole fare dei investimenti pubblici di qualsiasi genere deve per forza accendere dei mutui non può fare altrimenti.

  • In parte ciò che affermi la condivido e più in particolare che in linea generale gli enti locali per fare investimenti per opere pubbliche sono costretti a contrarre mutui.
    Nel caso specifico però ci sono dei problemi che brevemente cercherò ti riassumere:
    1- i mutui in qualsiasi tipo di contabilità sono da considerarsi come debiti;
    2- il nostro comune a raggiunto un livello di indebitamento tale che non sarà possibile, per le attuali norme di contabilità finanziaria, contrarre altri mutui per un bel po’ di anni. Più semplicemente La percentuale di indebitamento ha raggiunto quasi il limite massimo;
    3- una famiglia quando compra casa e fa un mutuo calibra l’acquisto e quindi il mutuo stesso secondo le proprie capacità finanziarie. Ciò non è stato fatto per Massignano, 1,3 milioni e passa di euro di mutui sono tanti per un comune di 1600 abitanti. O meglio in prov di Ap non conosco nessun comune che abbia un rapporto tra abitanti e mutui così elevato;
    4- i mutui vanno fatti per realizzare opere pubbliche che danno dei vantaggi all’intera collettività. Esempio: vale la pena spendere quasi 400 mila euro per Una palestra con dimensioni ridicole dove non é possibile praticare gran parte degli sport costringendo i nostri figli ad andare a Cupra o Grottammare? Secondo me no;
    5- il mutuo del sottopasso è stato contratto nel 2007 e ad oggi non sono ancora partiti i lavori. Tra l’altro è un opera dove mezzi di soccorso difficilmente ci passano perché è ad un unica corsia ed è molto basso!!! Una bici con una macchina non ci entrano!!!
    6- sono stati fatti mutui per asfaltare le strade bianche che a distanza di qualche mese si sono tutte rotte;
    7- è stato fatto un mutuo per comprare un trattore che non può essere utilizzato per sparare la neve nel centro storico perché non ci passa. Durante l’ultima nevicata il trattore puliva le strade di competenza della provincia e noi abbiamo dovuto pagare le ditte esterne per pulire il centro storico. Ti sembra giusto? A me no!!

  • Mi sono dimenticato dell’h ha raggiunto scusate !!!

  • Egregio mister Xxx se mi permette vorrei fare delle precisazioni:
    1)Vero sono considerati debiti senza i quali non potresti fare nessuna opera.
    2)In questo punto di debbo contraddire informati da fonti vicine alla ragioneria comunale so per certo che si possono contrarre ancora mutui tranquillamente sta sicuro, chi ti informa ti da notizie distorte per creare confusione e far riscaldare gli animi.
    3)Scusa ma sei informato malissimo Massignano e un di quei comuni virtuosi se non ci credi informati e dai notizie reali non fare come un consigliere che facendo propaganda diceva che il comune era un disastro ciò non sembra.
    4)La palestra come lei la definisce, e uno spazio adibito all’attività di educazione fisica della scuola quindi non è stata concepita secondo me per attività superiori alle aspettative, anche perché gestire una palestra di dimensioni maggiori si creava anche il problema della gestione.
    5) Il sottopasso questione delicata da fonti attendibili, tutto questo tempo e dovuto in parte alle ferrovie che non rilasciava il permesso per rallentare i treni, poi per le dimensioni bisognerebbe vedere il progetto, visto che neanche il Sindaco e stato in grado di dare le dimensioni nell’assemblea pubblica tenutasi il giorno 18/09/2014 presso marina di Massignano.
    7)Qua si deve fare una precisazione visto e considerato che Massignano non è solo centro storico ma ci sono 50 km di strade e un piccolo trattore non avrebbe fatto il lavoro di quello attuale anche perché il lavoro delle ditte esterne e stato rimborsato interamente dalla regione per calamità, quindi anche questo punto non è del tutto da condividere.

    scusatemi se ci sono errori quello che conta e

    che si rende l’idea.

  • Contro deduzioni:
    1) non detto che i mutui non si debbono fare ma, si contraggono per opere utili e con un programma di ammortamento che non faccia svenare le generazioni future.
    2) l’allerta sulla elevata percentuale di indebitamento è stata segnalata dal revisore dei conti nominato dalla precedente amministrazione e non da fonti vicine a ….
    3) la virtuosità di un comune non si stabilisce dall’avanzo di amministrazione.anche in questo caso leggiti la relazione del revisore dei conti e il significato di avanzo sul qualsiasi motore di ricerca.
    4) non l’ho definita io palestra. Era scritto sui volantini dell’inaugurazione e sul cartello davanti alle scuole. Comunque con circa 400 mila euro si poteva fare una struttura che poteva essere definita palestra. Mi sembra che l’attuale struttura sia costa un tantino troppo.
    5) questione sottopasso: se non c’erano le autorizzazioni perché è stato fatto il mutuo? Nè l’attuale e nè il precedente sindaco conoscevano le dimensioni.
    7) non credo che comprare un trattore dieci centimetri più stretto potesse pregiudicare la manutenzione delle strade fuori da centro abitato? Bastava prendere le misure dell’ingresso del paese!!! E poi perché si sono pulite le strade di competenza provinciale? I fondi delle calamita dati ai comuni della regione marche a coperto una minima parte dei soldi spesi.
    Non hai detto nulla del punto 6) devo dedurre che lo condividi.

    Comunque anche se non siamo d’accordo rispetto il tuo pensiero e ti ringrazio per l’educazione con cui hai espresso le tue posizioni.
    Spero un giorno di avere un confronto diretto con lei.

  • EGREGIO MISTER Xxx SCUSAMI SE O TRALASCIATO IL PUNTO 6. ORA E TARDI DOMANI MI ESPRIMO

  • QUANDO VUOI POTREMMO AVERE UN CONFRONTO DIRETTO SONO A SUA DISPOSIZIONE

  • Egregio come promesso vedrò di rimediare al punto 6.

    6)asfaltare le strade bianche è una scelta politica può essere condivisa oppure no punti di vista, che si siano rotte purtroppo non si può dare la colpa tutta all’amministrazione, se ricordo bene quanto asfaltavano con loro c’era un operaio comunale che avrebbe dovuto controllare, invece …….

  • Egregio devo fare delle puntualizzazioni
    1)Massignano può ancora contrarre mutui fino al 16%
    ora sta 8% quindi rientra nella norma.
    2)il revisore dei conti non si è espresso in negativo, lo contattato personalmente prima di scrivere queste righe quindi tutto nella norma.
    3)Qua erri la virtuosità di un comune è quando si sta in determinati parametri, e Massignano rientra tra questi parametri basta chiedere al ragioniere comunale per accertarsi.
    4)Vedi egregio non so chi ti da notizie ma per fare una vera palestra non sarebbero bastati 800.000,00€,allora si che sarebbe stato impossibile farla, ora abbiamo una struttura polifunzionale teniamocela stretta, meglio che niente.
    5)allora questo benedetto sottopasso, ti spiego per dare incarichi di progettazioni devi avere la copertura finanziaria necessaria altrimenti non puoi intervenire per ciò e stato contratto il mutuo ci siamo ora, per le misure basta leggere i progetti l’attuale Sindaco non doveva fare altro e non avrebbe fatto una pessima figura nell’assemblea del 18/09/2014,il precedente sindaco lo sapeva e soltanto secondo me giustamente non l’ah voluto dire.
    Comunque mi sono informato cosi chiudiamo questo discorso un a volta per tutte le misure sono larghezza 5mtr altezza 2,80mtr circa.
    7)Vedi anche comprare un trattore non è semplice al di fuori tutto sembra facile all’atto pratico e un tantino diverso comunque ora abbiamo questo per fortuna altrimenti saremmo senza, riguardo le strade provinciali, il Prefetto ti obbliga ad avere precedenza per le strade principali poi il resto questa e la legge purtroppo, in merito al rimborso da parte della regione bisogna attingere ai documenti per verificare, se chiedi all’ufficio tecnico penso che non abbi nulla in contrario per chiarire questo argomento.
    cordiali saluti

  • Egregio mister Xxx ci sei

  • ti aspetto sabato al campo per vedere la partita del Massignano calcio

  • Almeno è uscito fuori finalmente il concetto di “vera palestra” perché ovviamente la nostra non lo è. Basti pensare al fatto che non si possono praticare la maggior parte degli sport all’interno per via delle dimensioni ridotte. Ripropongo quindi la domanda di xxx: aveva senso spendere tutti quei soldi per avere una struttura che può essere sfruttata da poche persone? Per quanto riguarda poi il costo (mi sono molto informato) non è assolutamente vero che servono 800mila euro per avere una vera palestra. E non ritengo neanche giusto dire “meglio che niente”: prima di fare un acquisto le cose si valutano bene e poi si procede. In questo caso c’è stato un grosso, enorme errore di valutazione

  • Il concetto è un altro basta con queste illazioni e ora di dar via al vostro programma che 5 anni volano

  • oramai la palestra, anche se piccola è fatta, e non si può più tornare indietro.
    Quindi guardiamo avanti e utilizziamola al meglio