Meteo, gennaio 2016 da brividi

Meteo, gennaio 2016 da brividi. Incursione artica, conferme

Roma, 6 gennaio 2016 – Il gelo sull’Italia da metà gennaio? Arrivano nuove conferme a quella che qualche giorno fa sembrava solo un’ipotesi. Gliesperti meteo ritengono infatti che mezza Europa sarà alle prese con freddo e nevicate anche in pianura. Nei prossimi giorni il nostro Paese sarà ancora interessato da piogge, vento e temperature non particolarmente fredde. La svolta dovrebbe arrivare entro il 16-18 del mese con l’aria artica che potrebbe immettersi anche sulla Penisola, portando un tracollo termico e sorprese bianche soprattutto al Nord. Tuttavia si tratta ancora di una previsioni a lungo raggio, perciò si dovranno attendere conferme. Nel caso l’ipotesi fosse confermata si tratterebbe di un’irruzione imponente. Diversi siti meteo ritengono che gli impulsi gelidi potrebbero essere numerosi e duraturi, con condizioni di forte maltempo.

Più certe invece le previsioni per i prossimi giorni. L’Italia rimane inserita in un flusso di umide ed instabili correnti atlantiche che mantengono il tempo decisamente dinamico e piovoso. Giovedì una nuova veloce perturbazione attraverserà la Penisola ma con effetti modesti e precipitazioni soprattutto su tirreniche ed Alpi occidentali. Una perturbazione più rilevante è attesa invece per sabato, quando verremo raggiunti dal maltempo soprattutto al Nord e tirreniche. Tornerà la neve (copiosa) sulle Alpi. Le temperature saranno sempre altalenanti tra cali termici e rialzi, ma saranno mediamente piuttosto miti al Centro Sud, anzi molto miti al Meridione dove si potranno ancora raggiungere i 20°C. Da valutare inoltre una terza, intensa, perturbazione per lunedì 11 gennaio: nel mirino il Centro Nord. Anche in questo caso si potrebbero avere nevicate, anche abbondanti, lungo tutto l’arco alpino mediamente oltre i 1000-1500 metri.

Fonte: http://www.quotidiano.net/meteo-gennaio-2016-1.1622973?utm_source=mrsend&utm_medium=email&utm_campaign=newsletter&userid=NL79407

Share the joy
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Autore articolo:

La tua email non sarà visibile.