La provincia di Ascoli P. ingloba Fermo e Macerata

Spending Review – Nasce la provincia di Ascoli Piceno che ingloba Fermo e Macerata


25 luglio 2012 19:24

Palazzo San Filippo si prende la sua rivincita. A distanza di otto anni dalla secessione da Fermo, Ascoli Piceno sarà il capoluogo della futura maxi Provincia che riunirà anche Fermo e Macerata. Il comma 6 della delibera governativa parlava già chiaro, sottolineando che il capoluogo di Provincia sarebbe stato quello con il maggior numero di abitanti e la città turrita conta 49mila abitanti contro i 43mila di Macerata ed i 37mila di Fermo. Ora, però,  con la pubblicazione sulla Gazzetta ufficiale il pour parler è diventato ufficialità. Così quella di Ascoli Piceno sarà la provincia più grande delle Marche, seguita da Ancona e Pesaro.
Facendo un rapido calcolo, avremo 704mila abitanti visto che Ascoli ne conta 209, Fermo 175, e Macerata ne ha 319mila. Per quanto riguarda le annessioni, sono ridotte al lumicino le ipotesi di transitare da una Provincia all’altra: perché sono ritenute valide solo le richieste ed i procedimenti avviati prima della data di pubblicazione della delibera. Si salvano, insomma, solo i comuni dell’alto maceratese che da tempo avevano chiesto di passare sotto l’egida Ancona. Per quanto riguarda le funzioni, le nuove province avranno competenze limitate. A loro verrebbero delegate le incombenze in materia di viabilità, ambiente e trasporti. Anche se nella riunione di ieri dell’Upi (Unione delle Province italiane), era emersa l’ipotesi di continuare ad occuparsi di edilizia scolastica. Tutte le altre competenze amministrative delle Province saranno trasferite ai Comuni ed entro 180 giorni dovranno essere individuati beni e fondi finanziari, umani, strumentali, organizzativi per esercitare queste funzioni. Soppressa la Giunta, gli organi delle nuove Province saranno esclusivamente rappresentati dal Presidente e dal Consiglio.


 Fonte: Tvp Italia  
   
Share the joy
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Autore articolo:

La tua email non sarà visibile.