Di cellulare si muore

Dopo 10 anni di utilizzo del cellulare la possibilità di ammalarsi di tumore al cervello triplica negli adulti e quintuplica nei giovani. Le aziende commissionano falsi studi per nascondere gli effetti nefasti sull’uso del telefono, ma difendersi si può.

IL CELLULARE AD ALMENO 2 CENTIMETRI DI DISTANZA

Riccardo Staglianò, autore del libro inchiesta “Toglietevelo dalla testa. Cellulari, tumori e tutto quello che le lobby non dicono“ ha effettuato una ricerca che è durata quasi un anno, dagli Stati Uniti fino alla Svezia, per cercare di scoprire la verità sui rischi del cellulare. Ecco come racconta l’inizio della sua indagine:

Quando un mio amico, un giorno, mi ha segnalato come sul libretto d’istruzioni del mio cellulare c’era scritto di tenerlo a un centimetro e mezzo dal corpo, non ci volevo credere. Sono andato a controllare ed ho visto che era effettivamente così. Da lì la curiosità ha preso il sopravvento ed ho cominciato a verificare se era una precauzione che riguardava esclusivamente il mio cellulare o se era un problema diffuso. Ho scoperto che, per esempio, modelli di smartphone appetibili e presenti sul mercato, avevano stampato sul libretto di istruzioni di tenerli addirittura a due centimetri e mezzo dal corpo. Per avere un’idea di quanti siano due centimetri e mezzo, vi dico che corrispondono alla costola del mio libro che è di 350 pagine. Chiaramente nessuno sano di mente terrebbe il proprio cellulare a questa distanza e il problema è proprio che nessuno lo fa e che – cosa più importante – nessuno lo SA!

BASTANO 10 ANNI PER AVERE L’EFFETTO NEFASTO

Fonte: http://www.sapereeundovere.it/di-cellulare-si-muore-studi-scientifici-dimostrano-ma-rimediare-e-semplice/

Share the joy
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Autore articolo:

La tua email non sarà visibile.