Chiusura della strada Fontane. Chiarimenti dell’Amministrazione comunale

A seguito delle polemiche che ci sono state in questi giorni in merito alla chiusura della strada comunale Fontane è doveroso per l’Amministrazione dare alcuni chiarimenti, soprattutto per evitare di creare confusione e cattiva comunicazione nei confronti dei cittadini.

 

Per chi non conosce la strada comunale Fontane, vorremmo far presente che si tratta di una strada a forte pendenza, a veloce scorrimento, non illuminata di notte e spesso frequentata da persone che non sono di Massignano e quindi poco conosciuta.

 

Negli ultimi periodi la strada ha accentuato il suo stato di degrado, anche perchè negli anni passati non si è mai provveduto alla sua manutenzione e messa in sicurezza.

 

Ci siamo visti costretti a chiuderla perchè era diventata piuttosto pericolosa per le molte buche presenti e in particolare per un tratto in cui l’acqua, scendendo dalla collina, si infiltra al di sotto del manto stradale, zampillando da grosse buche proprio al centro della carreggiata.

Abbiamo provato più volte a coprire i crateri che si erano formati, ma ogni tentativo è risultato vano per la presenza appunto dell’acqua sottostante la strada.

Ad aggravare la situazione c’è anche una frana nelle immediate vicinanze.

 

Abbiamo fatto intervenire un geologo e fatto diversi sopralluoghi per cercare di capire come sistemare le infiltrazioni d’acqua.

Oltre a verificare la mancata sicurezza del tratto stradale, qualche giorno prima di decidere per la sua chiusura, abbiamo anche ricevuto una richiesta di risarcimento danni da parte di un automobilista che lamentava la rottura degli ammortizzatori della propria auto.

 

Nei prossimi giorni interverremo, sulla base dei sopralluoghi e delle analisi fatte in merito da tempo, cercando di drenare l’acqua e ricostruire il manto stradale.

Inoltre, appena le casse del Comune ce lo permetteranno, interverremo anche sulla frana sottostante.

 

Quindi il problema non può essere semplicemente risolto con qualche centinaia di euro per chiudere qualche buca, come dichiarato dalla fantomatica associazione marchigiana e, cosa più grave, dal gruppo di opposizione UNITI PER MASSIGNANO.

E’ bene che i cittadini sappiano, ed è nostro dovere, che negli ultimi 10 anni l’Amministrazione Mecozzi, pur non risolvendo questa ed altre analoghe critiche situazioni, ha speso più di 700.000,00 euro per le strade, accendendo mutui per 400.000,00 euro, che stiamo pagando e che chissà per quanto dovremo tutti ancora pagare.

 

In riferimento al famoso tesoretto che ci è stato lasciato e che gelosamente custodiamo nelle casseforti del Comune, vorremmo ricordare che meno di un anno fa il gruppo UNITI PER MASSIGNANO amministrava il paese.

 

Se c’erano a disposizione questi soldi e, soprattutto, non c’era il Patto di Stabilità, che oggi, purtroppo, blocca i pagamenti e ci impedisce di spendere:

perchè non sono state sistemate le strade comunali, la maggior parte delle quali è ridotta a un colabrodo (quella di contrada Fontane è un esempio)?

perchè non è stato abbattuto, anche solo in parte, il milione di euro di mutui che c’è stato lasciato in eredità?

perchè non è stato riparato il tetto dell’ex-caserma sfondato dal 2012?

perchè non sono state sistemate le luci del viale, spente ormai da 3 anni?

perchè non sono state sistemati i giochi della bambinopoli e le transenne del viale, ormai distrutte?

perchè non è stata sistemata la piazza, ridotta a un cumulo di macerie (vedere le fioriere)?

perchè non è stato sistemato l’impianto antincendio della scuola, che non funzionava dal 2006?

perchè non è stato dato dato incarico a un progettista di sistemare il piano regolatore?

perchè non è stato acquistato il trattorino per il campo sportivo per il quale è stato preso un mutuo di 15000,00 euro?

perchè non sono stati sistemati l’asilo e la “palestra”, che appena realizzata causava delle grosse infiltrazioni d’acqua piovana?

perchè non è stato tolto l’amianto sui tetti degli spogliatoi del campo sportivo?

 

L’elenco in realtà è lunghissimo, ma ci fermiamo qua.

Una cosa è certa, ci è stato lasciato un paese in uno stato di degrado senza precedenti.

 

Per quello che ci è possibile, stiamo facendo, sin dal primo giorno del nostro insediamento, e continueremo a fare di tutto per rimediare a questi danni perpetrati per un decennio.

MASSIGNANO CAMBIA

 

Share the joy
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Autore articolo:

La tua email non sarà visibile.