Carte di credito e carte bancomat clonate

In tempi di crisi anche un semplice prelievo bancomat o un pagamento tramite carta di credito possono trasformarsi in una trappola; centinaia di bande “specializzate” nella clonazione di carte bancomat e carte di credito si aggirano per l’Italia a caccia di risparmiatori disattenti. La clonazione di una carta di credito è un reato. Solitamente i falsari tendono ad agire dopo l’orario di chiusura degli sportelli o nel week end, ed a spendere subito cifre molto sostanziose acquistando fisicamente dei beni fisicamente oppure usufruendo di servizi. Ecco un piccolo vademecum per evitare di cadere nella rete dei truffatori.
 
COME AVVIENE LA CLONAZIONE – La clonazione di una carta avviene solitamente con l’utilizzo di uno skimmer e di una scatola nera presso uno sportello bancomat, inseriti nella fessura in cui va inserita la carta. I due dispositivi copiano tutti i dati personali per poi poter clonare la carta. Vengono reperiti il nome, il cognome, la scadenza e il codice necessario per confermare la validità della carta. Questo codice permette a colui che la duplica di avere tutte le informazioni necessarie per il suo utilizzo.
 
ATTENZIONE AL PRELIEVO – La prima cosa da fare nel momento in cui si preleva del denaro in un Bancomat è controllare se nelle immediate vicinanze ci siano delle persone ferme con atteggiamento sospetto. In secondo luogo si dovrebbe far attenzione allo sportello stesso, verificando se presenta delle anomalie come un rialzamento della tastiera o dei piccoli fori. E’ anche consigliabile passare un qualunque oggetto sottile nella fessura per la carta per controllare che sia totalmente libera e verificare che non siano state apposte micro-telecamere sopra la tastiera, ed in ogni caso è sempre meglio coprire la tastiera stessa con una mano mentre con l’altra si digita il codice. In caso di ravvisate manomissioni, oltre che rinunciare al prelievo, si deve subito contattare l’autorità competente. 
 
I PAGAMENTI NEGLI ESERCIZI COMMERCIALI – Quandosi paga all’interno di negozi o esercizi pubblicinon si deve mai lasciare la propria carta incustodita agli addetti del posto. Le operazioni dovrebbero essere fatte sempre in prima persona, oppure sotto il proprio sguardo vigile. Si deve far attenzione che la carta non venga “strisciata” più volte e che non venga mai inserita in apparecchi diversi da quelli preposti. La più alta percentuale di clonazioni di questo tipo, statisticamente, si registra nei ristoranti.
 
MONITORARE IL CONTO CORRENTE – Un controllo costante sul proprio conto corrente è ovviamente il modo migliore per registrare eventuali anomalie, o di trasmetterle immediatamente alle autorità competenti con successivo blocco della carta in questione. Inoltre, come misura cautelativa a monte, non dovrebbe mai essere fornito il numero della propria carta ad interlocutori telefonici.
Fonte:http://economia.virgilio.it/soldi/carte-di-credito-carte-bancomat-clonate-ecco-come-evitarlo.html

Share the joy
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Autore articolo:

Una risposta a “Carte di credito e carte bancomat clonate”

  • C’è stato un servizio sulle iene lunedì sera e ricordo che striscia se ne era occupata qualche anno fa.