Autovelox, Tutor e Vergilius, come funzionano

Sulle strade statali è comparso un nuovo tipo di apparecchio, Vergilius, che rileva sia la velocità media, come il Tutor, che quella istantanea, come l’Autovelox.

La legge permette la rilevazione del superamento dei limiti di velocità con i vari tipi di strumentazione elettronica, tipo Autovelox, Tutor o Vergilius. Le eventuali multe che ne derivano non necessitano della contestazione immediata dell’infrazione al conducente.   

Il Codice della strada stabilisce infatti che la contestazione immediata non è necessaria in caso di “accertamento della violazione per mezzo di appositi apparecchi di rilevamento direttamente gestiti dagli organi di Polizia stradale e nella loro disponibilità che consentono la determinazione dell’illecito in tempo successivo poiché il veicolo oggetto del rilievo è a distanza dal posto di accertamento o comunque nell’impossibilità di essere fermato in tempo utile o nei modi regolamentari”.

L’autovelox

Attualmente sono in uso diversi tipi di autovelox, che differiscono per le modalità di funzionamento:

  • autovelox a fotocellula – sono i più diffusi e venfono generalmente definiti fissi, anche se i dispositivi possono essere spostati da una postazione all’altra; grazie a 2 o pù fotocellule, misurano la velocità dell’auto che passa in corrispondenza della postazione;
  • telelaser – sono solitamente tenuti in mano dall’operatore e puntati sui veicoli da esaminare; l’apparecchio emette un raggio laser e poi misura il raggio di ritorno dal veicolo “colpito”;
  • apparecchi video – elaborano le immagini di una telecamera per calcolare la velocità dei veicoli e sono di solito presenti a bordo delle auto della Polizia Stradale.
Il sistema Tutor

Il Tutor è un sistema che permette di rilevare la velocità media dei veicoli sulle autostrade. Sviluppato da Autostrade per l’Italia, è gestito dalla Polizia Stradale. Il Tutor permette, grazie all’installazione di sensori annegati nell’asfalto e portali con telecamere, il rilevamento della velocità media lungo tratte autostradali di lunghezza variabile tra 10 e 25 Km. Funziona anche di notte ed in qualsiasi condizione climatica. La velocità media è calcolata in base al tempo di percorrenza tra due portali. I dati relativi ai veicoli la cui velocità media non supera quella consentita vengono automaticamente eliminati.

Il sistema Tutor è stato installato su oltre 2.500 km di carreggiate autostradali, in corrispondenza delle tratte che presentavano tassi di mortalità superiori alla media.

Vergilius

Vergilius è un sistema si controllo della velocità sulle strade statali, che rileva sia la velocità istantanea, come l’autovelox, sia la velocità media, come fa il Tutor in autostrada. Ideato dall’Anas e gestito dalla Polizia Stradale, si differenzia dal Tutor anche per il fatto che non ci sono sensori, ma solo telecamere ai portali.

Fonte: http://www.intrage.it/Consumatori/autovelox_tutor_e_vergilius_come_funzionano

Share the joy
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Autore articolo:

La tua email non sarà visibile.