ASD Massignano – Polisportiva Carassai 1 – 3

Sabato 22 ottobre 2011

ASD Massignano – Polisportiva Carassai 1 – 3

Il Massignano, alla ricerca della prima vittoria casalinga, affronta il Carassai, che finora ha ottenuto 3 punti, frutto di 3 pareggi e 3 gol segnati nelle precedenti 6 partite; arbitra la signora Montagna della sezione di San Benedetto. Nella formazione di casa risulta assente per lutto familiare Pietro Buttafoco, al quale tutta la squadra porge sentite condoglianze.

Alle prime battute di gioco c’è una preziosa occasione per Andrea Sgariglia, che entra in area e, a tu per tu con il portiere, conclude malamente sul fondo. Questo episodio sembra determinare subito un condizionamento psicologico per la squadra di casa, che non insiste abbastanza nel condurre gioco di attacco, mentre gli ospiti, scampato il pericolo, organizzano con maggiore convinzione le loro manovre.

Al 15° quella buona sorte che non aveva assistito il Massignano favorisce la squadra avversaria: il n. 11 Riccardo Cameli tenta un tiro dalla distanza con poca potenza, ma particolare precisione, ed insacca il pallone vicino al palo alla sinistra del sorpresissimo Mauro, che si limita a seguire con lo sguardo la traiettoria.

Purtroppo la reazione del Massignano non c’è e gli ospiti, dopo aver verificato per circa un quarto d’ora la scarsa convinzione dei nostri giocatori, si fanno più pericolosi in avanti: al 28° una punizione diretta viene parata in angolo da Mauro, un minuto dopo un altro tiro da fuori colpisce la traversa, al 42° un diagonale scoccato all’interno dell’area di rigore viene respinto sempre da Mauro, al 44° l’autore del gol effettua un tiro alto.

Si va all’intervallo chiedendosi dove è andata a finire quella squadra concentrata e motivata che avevamo ammirato a Force soltanto sette giorni fa: tutti speriamo che la riserva di volontà e di energie fisiche e nervose, come è già successo in passato, venga utilizzata e messa a frutto nella ripresa.

I primi minuti del secondo tempo ci riservano però un’altra disillusione: al 3° un traversone nell’area del Massignano raggiunge il numero 10, posizionato tra i due difensori centrali, che si porta avanti la palla con il petto e brucia Mauro in uscita per il due a zero.

Stavolta lo scatto d’orgoglio della squadra di casa non può mancare: mister Beri inserisce Vagnoni per Sbaffoni per potenziare l’attacco e non mancano le incursioni in area avversaria di Lucio per sfruttare le palle alte, come al 7° minuto, con il colpo di testa che viene parato. Altra occasione si presenta ad Andrea all’8°, ma il tiro va alto; pochi minuti dopo Mirko Del Prete riceve una ammonizione. Gli attacchi del Massignano si fanno più insistenti fino all’episodio che si verifica intorno al 20° in area del Carassai: un colpo di testa di Andrea viene respinto sulla linea di porta dal braccio di un difensore, mantenuto disteso lungo il fianco aumentando la superficie del corpo sulla traiettoria del pallone; l’arbitro vede tutto, ma lascia correre ritenendo non sanzionabile la posizione del braccio.

Dopo un tiro fuori per parte, al 26° l’arbitro tenta di farsi perdonare: su un cross dalla sinistra Lucio cade in area e la direttrice di gara, secondo molti con particolare benevolenza, concede alla squadra di casa il rigore, che viene trasformato da Vagnoni.

C’è ancora tempo per raddrizzare la partita, anche dopo l’ammonizione inopportunamente meritata da Alessandro Sgariglia, ma alcune indecisioni difensive del Massignano fanno presagire quello che poi succede al 35°: il numero 9 del Carassai viene lanciato in posizione molto probabile di fuorigioco e non ha particolari difficoltà ad evitare Mauro in uscita ed a collocare in rete il gol che chiude la partita. Il nervosismo per le circostanze in cui è maturato l’ultimo gol porta Lucio e Simone a protestare con l’arbitro, che li sanziona entrambi con il cartellino giallo.

Al 39° Vagnoni tira un bel calcio di punizione, altrettanto efficacemente parato, mentre al 42° il numero 9 del Carassai costringe Mauro ad una deviazione in angolo. Dopo la sostituzione di Marchetti con Buffone ed i 6 minuti di recupero concessi, ci sono da raccontare le due espulsioni per doppia ammonizione: il secondo cartellino giallo viene comminato prima a Simone Oddi per proteste e poi al numero 7 del Carassai per un fallo di gioco.

Questa sconfitta interna risulta particolarmente cocente, soprattutto per il fatto di non aver più riscontrato nella squadra quella determinazione e quella tensione positiva che avevano caratterizzato il precedente incontro: si è dato così modo agli avversari di prendere fiducia nei propri mezzi e di segnare in questa sola partita gli stessi gol che avevano collezionato in tutti i 6 turni precedenti.

L’occasione per dimostrare che con il Carassai si è trattato soltanto di un episodio ci sarà sabato 29 ottobre alle 15,30: incontreremo l’Acquaviva Picena, che vanta 10 punti in classifica ed un invidiabile rendimento casalingo di due vittorie (2 a 1 al Mariner ed 1 a 0 al Carassai) ed un pareggio (1 a 1 con la Centoprandonese).

                                                                                                                                                             GerPol

Share the joy
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Autore articolo:

Una risposta a “ASD Massignano – Polisportiva Carassai 1 – 3”

  • 1 Vis Stella 17
    2 R. Centobuchi 13
    3 Valtesino 13
    4 Centoprandon 12
    5 Altidona 11
    6 Agraria Club 10
    7 Acquaviva Pice 10
    8 Castignano 10
    9 Sentina 9
    10 Casp Calcio 8
    11 Mariner 8
    12 Montefiore 7
    13 Carassai 6
    14 Massignano 6
    15 Forcese 6
    16 Campofilone 3