ASD Massignano – Centoprandonese 1 – 3

Sabato 5 novembre 2011

ASD Massignano – Centoprandonese 1 – 3

Il Massignano incontra la Centoprandonese tentando di riprendersi da un periodo nero: dopo la prima vittoria del campionato a Force, ci sono state due sconfitte consecutive con il Carassai e ad Acquaviva. L’occasione per tornare a fare qualche punto non è certo delle più facili, in quanto al Giardinà scende una squadra costruita per condurre un campionato nelle zone alte della classifica, seppure con un paio di assenze per squalifica. Anche al Massignano manca qualcuno per squalifica: Del Prete dopo la sacrosanta espulsione di Acquaviva e mister Beri per una inspiegabile sanzione comminata nello stesso incontro “per comportamento non regolamentare a fine gara”. Arbitra il signor Bastarelli.

L’avvio di partita riserva un episodio graditissimo per tutti gli sportivi massignanesi: la prima azione di attacco della squadra di casa porta ad ottenere una punizione dal limite dell’area di rigore, che viene battuta da Vagnoni a scavalcare la barriera, ma si infrange sulla traversa; sulla respinta si avventa Dimitri, che non trova difficoltà a depositare in rete il gol del vantaggio.

La Centoprandonese ha il merito di continuare l’incontro con tranquillità, giocando senza affanno ed apparendo consapevole delle sue capacità. Impiega qualche minuto per studiare gli avversari, ma poi, appena passata la mezz’ora, colpisce e va a segno nel giro di due minuti, riportandosi in vantaggio. Il pareggio arriva al 32°, a conclusione di una veloce azione finalizzata dal numero 7 Corradetti con un diagonale da destra sull’uscita di Mauro; il raddoppio è del numero 5 Faini, che insacca di testa al 34° su assist, sempre di testa, del numero 9 Capponi.

Nella restante parte del primo tempo si registra al 37° un tiro parato ad Alessandro Sgariglia ed al 44° un colpo di testa appena sopra la traversa di Capponi, numero 9 della Centoprandonese.

Nella ripresa, con Andrea Sgariglia al posto di Vagnoni, il Massignano tenta di recuperare il risultato, ma riesce ad impensierire la difesa ospite soltanto al 2° con un tiro di Andrea che finisce fuori. E’ invece la Centoprandonese a farsi pericolosa sempre con il numero 9 Capponi: al 12° tira alto da molto vicino, al 37° si vede respingere la conclusione da Mauro. Prima di quest’ultima occasione c’erano state due importanti sanzioni disciplinari a carico di giocatori di casa: al 26° l’ammonizione di Alessandro Sgariglia che, risultando già diffidato, si guadagnava la squalifica per il prossimo incontro; al 34° la seconda ammonizione per Marchetti, con la conseguente espulsione.

Le speranze del Massignano di raggiungere il pareggio, già ridotte al lumicino per l’inferiorità numerica, vengono definitivamente spente al 42°: in un’azione di contropiede un attaccante ospite riceve la palla e, nel predisporsi ad entrare in area, subisce fallo da Manuele. Testimoni neutrali che hanno assistito all’azione hanno rilevato sia la posizione di fuorigioco dell’attaccante, che l’inizio del fallo avvenuto fuori dall’area: malgrado ciò l’arbitro concede il calcio di rigore, che viene trasformato dal numero 9 Capponi.

Nei 5 minuti di recupero si registra al 49° un tiro da fuori del numero 8 Mattioli della Centoprandonese, che passa a pochi centimetri dall’incrocio dei pali alla sinistra di Mauro.

Per la prima volta in questo campionato ci è sembrato di aver visto in campo una squadra avversaria superiore alla nostra non solo per esperienza e per sicurezza, ma anche per disciplina tattica e preparazione atletica. Pertanto stavolta non possiamo recriminare per nostri demeriti, ma dobbiamo soltanto riconoscere che ha vinto il migliore.

Sabato 12 novembre alle 14,30 ci aspetta la trasferta a Porto d’Ascoli: l’Agraria Club finora non ha mai pareggiato in casa.

                                                                                                                                                             GerPol

Share the joy
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Autore articolo:

La tua email non sarà visibile.