“Scuola giovani”

RIPATRANSONE – Il consiglio di amministrazione della Banca di Ripatransone-Credito Cooperativo, per il corrente anno scolastico, ha rifinanziato il progetto “Scuola giovani” per aiutare le famiglie con studenti a carico, a sostenere le spese scolastiche.

L’aiuto consiste nel finanziamento fino ad 800 euro (a tasso zero, rimborsabili in 12 rate mensili) per spese inerenti: testi scolastici ed universitari, pagamento di tasse universitarie, sottoscrizione di abbonamento annuale per il trasporto, conseguimento della patente di guida.

In merito il presidente dell’Istituto di credito Michelino Michetti ha dichiarato: “Aiutare le famiglie del territorio ed investire nell’istruzione delle giovani generazioni, sono gli obiettivi della nostra Banca”.

Gli interessati possono rivolgersi sia alla sede centrale di Ripatransone in Corso Vittorio Emanuele, 45 sia alle filiali: a Grottammare in Via Tintoretto, 25; a San Benedetto del Tronto in Via Manzoni, 23 ed in Via Curzi, 19; a Porto d’Ascoli in Via Val Tiberina, 6; a Montefiore dell’Aso in Borgo Giordano Bruno, 36.

Fonte: Riviera Oggi

Share the joy
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Autore articolo:

Una risposta a ““Scuola giovani””

  • Saremmo un pezzo avanti se iniziassimo ad usare libri digitali a licenza “libera” in tablet appositi.
    Se tutti i libri fossero digitali e a licenza libera i 50-100 euro per il tablet sarebbero l’unica – e dico “unica” – spesa in almeno 2 anni per libri di testo.

    Per chi solleva obiezioni e dice che libri di testo scritti con passione da insegnanti nei tempi morti non sono equiparabili a quelli delle severe – diciamo così! – regole editoriali, ricordo della marea di gente che si vanta di usare una distribuzione Linux come sistema operativo.:)

    Per ora si tratta di rari casi – che esistono! – ma se le regioni finanziassero progetti di questo tipo qualcuno ci si tufferebbe (per arrotondare, magari, più che per “spirito di cultura libera”) e il costo sarebbe sicuramente molto inferiore a tutti i soldi che ogni anno spendono per finanziare le famiglie a comprare libri.